Top
Dall’alta moda ai luxury hotel: Domenico Vacca sfida la crisi e punta al rilancio – The Fashiornalist
fade
3787
post-template-default,single,single-post,postid-3787,single-format-gallery,eltd-core-1.2.1,flow child-child-ver-1.0.1,flow-ver-1.6.1,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1480,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-type2,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Dall’alta moda ai luxury hotel: Domenico Vacca sfida la crisi e punta al rilancio

Dall’alta moda ai luxury hotel: Domenico Vacca sfida la crisi e punta al rilancio

La moda deve tornare a essere arte ed esprimere una creatività unica. Parola di Domenico Vacca. È questo il segreto svelato dall’imprenditore per rilanciare il settore del fashion. Denzel Washington, Dustin Hoffman, Jodie Foster, Renée Zellweger, Glenn Close, Antonio Banderas e Scarlett Johansson sono solo alcune delle star che vestono il brand Vacca, legato a un concetto di sartorialità intesa come tratto distintivo. Che il mondo della moda sia in continua evoluzione è fuori discussione. Ma è anche vero che l’emergenza sanitaria ha accelerato questo processo. «E allora – dice Vacca – bisogna puntare su prodotti che abbiano una identità specifica e che rappresentino il reale valore aggiunto sul quale valga la pena investire». E di investimenti, Vacca ne sa qualcosa. Originario della Puglia e newyorkese di adozione, i suoi negozi, dopo la Grande Mela, in poco tempo sono approdati anche a Beverly Hills, Bal Harbour, Palm Beach, oltre che in Russia e in Qatar. Ma non finisce qui. «Siamo in procinto – annuncia Vacca – di aprire il primo flagship store a Roma, in piazza di Montecitorio». Una bella sfida, soprattutto in questo periodo in cui il trend è quello della chiusura delle attività più che dell’apertura. «Credo che proprio in questi momenti – sostiene Domenico Vacca – ci si debba mettere in gioco. Basti pensare che a New York ho firmato il contratto per uno dei miei negozi due settimane dopo l’attacco alle Torri Gemelle». È una risposta alla crisi quindi, ma anche un segnale di speranza quello offerto dall’imprenditore che sempre in questo periodo sta portando avanti anche un altro importante progetto proprio nella sua Puglia. Si tratta della riqualificazione di un palazzo storico del ‘500 a Trani, per renderlo un hotel a 5 stelle. L’obiettivo è quello del 2022. Già tra due anni, quindi, il territorio potrebbe avere il primo luxury hotel caratterizzato dall’identità del brand Vacca. Parliamo di circa 25 tra stanze e suite, con centro benessere, ristorante, bar e un rooftop vista mare. Il tutto, finalizzato a far rivivere al cliente un’esperienza esclusiva. Il target di riferimento è naturalmente quello internazionale. «Il legame con la mia terra di origine è saldo – spiega l’imprenditore – e sono certo che puntare sulle potenzialità del territorio darà risultati importanti sia sul fronte delle presenze che su quello occupazionale, per tutto l’indotto. È un’operazione che sto curando personalmente».

—-

Fashion must go back to being art and express a unique creativity. Word of Domenico Vacca. This is the secret revealed by the entrepreneur to relaunch the fashion sector. Denzel Washington, Dustin Hoffman, Jodie Foster, Renée Zellweger, Glenn Close, Antonio Banderas and Scarlett Johansson are just some of the stars who wear the Vacca brand, linked to a concept of tailoring as a distinctive trait. That the world of fashion is constantly evolving is beyond question. But it is also true that the health emergency has accelerated this process. “So – says Vacca – we need to focus on products that have a specific identity and that represent the real added value in which it is worth investing”. And about investments, Vacca knows something. Originally from Puglia and a New Yorker by adoption, his stores, after the Big Apple, in a short time also landed in Beverly Hills, Bal Harbor, Palm Beach, as well as in Russia and Qatar. But it doesn’t stop there. “We are about – announces Vacca – to open the first flagship store in Rome”. A great challenge, especially in this period when the trend is that of closing the business rather than opening it. «I believe that precisely in these moments – says Domenico Vacca – we must get involved. Suffice it to say that in New York I signed a contract for one of my stores two weeks after the attack on the Twin Towers “. It is therefore a response to the crisis, but also a sign of hope that offered by the entrepreneur who is also carrying out another important project in his own Puglia in this period. This is the redevelopment of a historic 16th century building in Trani, to make it a 5-star hotel. The goal is that of 2022. Already in two years, therefore, the area could have the first luxury hotel characterized by the identity of the Vacca brand. We are talking about about 25 rooms and suites, with wellness center, restaurant, bar and a rooftop overlooking the sea. All this, aimed at reviving the customer an exclusive experience. The reference target is naturally the international one. “The link with my land of origin is solid – explains the entrepreneur – and I am sure that focusing on the potential of the area will give important results both in terms of presence and employment, for all the related industries. It is an operation that I am taking care of personally “.