Top
La sfida di Toma Italian Brands tra innovazione e tradizione – The Fashiornalist
fade
3823
post-template-default,single,single-post,postid-3823,single-format-gallery,eltd-core-1.2.1,flow child-child-ver-1.0.1,flow-ver-1.6.1,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1480,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-type2,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

La sfida di Toma Italian Brands tra innovazione e tradizione

La sfida di Toma Italian Brands tra innovazione e tradizione

Sostenibilità ambientale e digitalizzazione. È un duplice obiettivo quello che si pone Toma Italian Brands (A#DELL’ACQUA, Angelo Toma, Havana&Co. e Ungaro) che punta da una parte a garantire l’aspetto eco-friendly e dall’altra a incrementare la propria rete tecnologica. Una scommessa che si può dire vinta ogni giorno. Perché, entrambi gli aspetti sono valori fondanti del gruppo di Sava. E non è cosa di poco conto, considerando che solo il 40% delle imprese tessili nazionali riesce a salvaguardare questi livelli. Che l’emergenza sanitaria abbia accelerato i procedimenti è fuori discussione. Resta però il fatto che l’innovazione è una delle caratteristiche che ormai consente di restare al passo con i tempi senza però doversi slegare necessariamente dalla tradizione. Proprio questo è il tratto distintivo di Toma Italian Brand che fa della sua identità storica un valore aggiunto. Ecco allora che anche se gli strumenti con gli anni cambiano, la qualità non ne risente. Anzi, ne trae beneficio. Come nel caso del rispetto dell’ambiente. A cui si è aggiunta l’ulteriore garanzia fornita dall’utilizzo di trattamenti “viral off”. Si tratta di particolari tecnologie  applicate sui tessuti, a garanzia di igiene e sicurezza. “È una delle peculiarità delle nostre collezioni – spiega Verdiana Toma – l’obiettivo è quello di innalzare ulteriormente gli standard qualitativi. Ci stavamo lavorando anche prima della pandemia, quindi non ci siamo ritrovati impreparati, anzi, abbiamo subito attuato tutto con ogni strumento già a nostra disposizione”. Va in questa direzione anche la digitalizzazione. Showroom virtuali, app e portali web rappresentano ormai una realtà imprescindibile. Anche nell’ottica dell’internazionalizzazione che Toma Italian Brands persegue. Ecco allora che il passaggio al digital rappresenta un’altra occasione di rilancio. Le collezioni del gruppo, con tutti i suoi brand, sono infatti approdate sulla piattaforma del fashion B2B Joor. “Qui – afferma Verdiana Toma – è possibile interagire con i clienti, in modo da garantire comunque un’esperienza unica e personalizzata che crea una rete di contatti indispensabili per ogni fase della campagna di presentazione e vendita delle nostre collezioni”. Lo stesso vale per Pitti Connect. Nata dall’evoluzione della prestigiosa esposizione. Anche in questo salone digitale è presente il gruppo Toma. Che guarda ai traguardi futuri, investendo nel presente.

Environmental sustainability and digitalization. Toma Italian Brands has set itself a double objective, which aims on one side to ensure the eco-friendly aspect and on the other to increase its technological network. A bet that can be said to be won every day. Because, both aspects are founding values ​​of the Sava group. And this is no small thing, considering that only 40% of national textile companies manage to safeguard these levels. That the health emergency has accelerated the proceedings is beyond question. However, the fact remains that innovation is one of the aspects that now allows you to keep up with the times without necessarily having to break away from tradition. This is precisely the distinctive trait of Toma Italian Brand which makes its historical identity an added value. So, even if the instruments change over the years, the quality is not affected. Indeed, it benefits. As in the case of respect for the environment. To which is added the additional guarantee provided by the use of “viral off” treatments. These are particular technologies applied to fabrics, a guarantee of hygiene and safety. “It is one of the characteristics of our collections – explains Verdiana Toma – the goal is to further raise quality standards. We were working on it even before the pandemic, so we did not find ourselves unprepared, on the contrary, we immediately implemented everything with every tool already at our disposal ”. Digitization also goes in this direction. Virtual showrooms, apps and web portals are now an essential reality. Also in the perspective of the internationalization that Toma Italian Brands pursues. Here then is that the transition to digital represents a further opportunity for relaunch. The group’s collections, with all its brands, have in fact landed on the Joor B2B fashion platform. “Here – says Verdiana Toma – it is possible to interact with customers, in order to still guarantee a unique and personalized experience that creates a network of contacts that are essential for each phase of the presentation and sale campaign of our collections”. The same goes for Pitti Connect. Born from the evolution of the prestigious exhibition. The Toma group has also arrived in this digital salon. Who looks to future goals, investing in the present.